fbpx

Complexity Management Community

#progettodiricerca

 

obiettivo

 

In questo filone di ricerca, portato avanti insieme alla CUOA Business School e i partner indicati qui sotto, il mondo scientifico e quello professionale scambiano conoscenze ed esperienze sul tema delle scienze della complessità applicate al management.

 

info

Il management scientifico si è affermato nel secolo scorso e ha permesso di raggiungere risultati produttivi e di progresso inimmaginabili. Nel frattempo, i contesti di lavoro e sociali sono diventati sempre più globali, volatili e interdipendenti. Questo cambiamento ha reso l’approccio scientifico al management insufficiente. Da qui la nascita della comunità di pratica CUOA COMPLEXITY COMMUNITY, un luogo dove ogni membro della comunità abbia l’opportunità di un apprendimento permanente basato su condivisione di competenze, pratiche, idee, studi, ricerche, sperimentazioni ecc.

 

L’intelligenza è distribuita e va colta e valorizzata in ambienti di condivisione come quello della community. Il futuro è delle organizzazioni a molte menti e noi intendiamo essere come una “bottega” rinascimentale dove le persone possano aumentare la propria consapevolezza, apprendere, interagire, confrontarsi e migliorare le proprie abilità.

 

La “Complexity Community” è l’unico modo per valorizzare la conoscenza professionale, la quale è diversa da quella scientifica, la completa e la arricchisce. La conoscenza professionale si crea durante il processo decisionale e le azioni dei professionisti i quali affrontano problemi male definiti, unici e in continuo cambiamento.

 

Le comunità di pratica sono sistemi auto-organizzati fondati su interessi comuni, diversità professionale, mutue relazioni, scambio di conoscenza sia tacita che esplicita e apprendimento cooperativo. La costruzione di una conoscenza collettiva condivisa consente lo sviluppo di un’autentica ridondanza cognitiva fondata su apertura mentale, nuove prospettive, curiosità intellettuale e devianza. Il premio in palio è lusinghiero: un arricchimento cognitivo per navigare da “saggi” nei mari della complessità.

 

con chi

Centro sull’Innovazione Tecnologica e Digitale di Liuc Business SchoolComplexity Education ProjectCREDEMDiotima societyDipartimento di Ingegneria informatica automatica e gestionale Antonio Ruberti (Sapienza Università di Roma)Fondazione FabbriForma del tempoIndacoIstituto di Sistemi e Tecnologie Industriali Intelligenti per il Manifatturiero Avanzato – Consiglio Nazionale delle Ricerche (STIIMA-CNR),  Laboratorio di Ingegneria Gestionale (Università di Udine)Laboratorio di Scienze Matematiche (Università Internazionale degli Studi di Roma)NovaliaPeopleriseSimplifyTextureThe Business GameThe Human Factory, VenetworkZeranta EdutainmentZordan.

 

complexity management community

 

Questo argomento è estremamente attuale ed essenziale da approfondire. Vuoi dare il tuo contributo? Entra anche tu nella Complexity Management Community 

 

Guarda il video del primo incontro “I vantaggi dell’auto organizzazione per affrontare la complessità, il caso Zordan” 

 

 

Condividimi!

Contattaci

6 Capitals for Impact

I progetti di trasformazione aziendale portati avanti da Peoplerise hanno l’obiettivo di generare impatto attraverso la creazione di valore maggiore rispetto alla distruzione di esso. […]

core insight sensemaking

Exploring the enterprise

Questo filone di ricerca esplora l’impresa come un ambiente da comprendere e influenzare per facilitare il percorso che dai dati porta all’intuizione: approcci di ricerca qualitativi […]

core insight sensemaking

Core Insight sensemaking

Peoplerise nella sua attività al fianco dei clienti cerca continuamente di affinare la comprensione delle caratteristiche del contesto organizzativo del cliente per co-costruire insieme il […]

progetti2
Tutti i progetti