Newsletter

Una scelta coraggiosa

Momenti trasformativi per individui e organizzazioni

In questi mesi molti di noi hanno forzatamente cambiato la propria routine. Una routine spesso fatta di ritmi serrati, riunioni che si susseguono una dopo l’altra, abitudini e impegni pressanti. Per alcuni il lockdown ha spinto sull’acceleratore, portando quasi all’esasperazione ritmi e tempi precedenti. Per altri, invece, è stata un’occasione per rallentare e interrompere una corsa senza sosta.

In entrambi i casi, questo cambiamento forzato ha stimolato una diversa qualità della riflessione. Mi torna in mente la storiella dei pesci nell’acquario:

 

Un pesce incontra due pesci e chiede loro: “Com’è l’acqua oggi?”.
Gli altri due lo guardano perplessi e rispondono: “Cos’è l’acqua?”

 

Ecco, momenti di discontinuità come questo hanno dato a molti di noi la possibilità di prendere contatto e coscienza con l’acqua che ci sta intorno. Un’acqua che assomigliava molto di più alla ruota di un criceto, in cui correre e correre senza mai avere il tempo di fermarsi ad assaporare quale senso profondo può avere il proprio lavoro. In molti casi le domande successive sono state:

“Ma ora che l’ho vista… voglio davvero starci?”
“Voglio proprio rientrare nella ruota del criceto? E.. ahimè.. mi tocca farlo?”

 

new normal

 

La mia grande fortuna

 

La fortuna che ho io personalmente è di fare parte di un’azienda, Peoplerise, che è innanzitutto una comunità di persone e, in quanto tale, si interroga costantemente sul senso delle cose che fa e sull’impatto positivo che vuole portare nel mondo. Insieme abbiamo affrontato le domande che emergevano in ognuno di noi, con la voglia di guardare a questi mesi come una finestra aperta su temi inesplorati e un futuro da costruire.

Ci siamo chiesti quale potesse essere per noi un ulteriore salto di qualità, da affrontare come individui e come Peoplerise. Abbiamo iniziato ad ascoltarci dentro e ad ascoltare fuori, con l’intenzione profonda di connetterci a questo momento di vitale trasformazione. Abbiamo cambiato modalità organizzative, strategiche e di offerta per rispecchiare le nostre intuizioni.

Questa è stata davvero una grande fortuna. Mi ha permesso di guardarmi dentro e, nel farlo, di sentirmi supportato da un gruppo di colleghi che con me rifletteva per portare nuove risposte a domande profonde.

 

Su e giù dalla ruota

 

Guardandomi intorno e confrontandomi con colleghi e clienti, mi accorgo che questo è un momento di profonda introspezione per tanti di noi. Sono molte le persone e le organizzazioni che, per la prima volta, percepiscono l’acqua attorno a loro. 

Come individui, quando l’acqua assomiglia alla ruota di un criceto sono due le strade che si aprono davanti a noi:

Posso agire un atto di paura. Sento che vorrei e dovrei cambiare, ma le condizioni di sostenibilità economica o di status mi impediscono di prendere in mano la mia vita e fare una scelta radicale. La finestra si chiuderà pian piano e tornerò lentamente e con ancora meno energia alla vita lavorativa di prima. Il mio engagement a lavoro sarà sotto i tacchi, cercherò altri ambiti di vita in cui realizzare me stesso.

Posso agire un atto di coraggio e provare a cambiare le cose. Qualora non sentissi attorno a me il supporto necessario, potrei decidere di cambiare lavoro e cercare di esprimere altrove il mio impatto e il mio nuovo potenziale.

 

Una scelta coraggiosa

 

Anche l’azienda si trova davanti ad un bivio:

“Allineati e forti come prima, riprendiamo con nuove regole e procedure”.
Sarebbe un atto di paura non prendersi cura di questo momento e riprendere tutto come se nulla fosse successo. L’azienda perderà qualche collaboratore, l’engagement calerà, la vitalità di lungo termine sarà compromessa a favore di un’azione con prospettiva di sollievo a breve termine.

Oppure un’organizzazione potrebbe fare un atto di coraggio. Potrebbe creare spazi e alimentare conversazioni di senso per esplorare cosa significa, nei suoi termini new normal. Solo in questo modo sarà possibile costruire insieme un nuovo futuro, fatto di profondità, impatto ed engagement. Da questo nasce innovazione e trasformazione.

 

Quanto coraggio abbiamo per agire realmente la trasformazione in cui siamo chiamati ad agire?

 

Come azienda possiamo prenderci cura di questo momento per sviluppare senso, engagement, innovazione e performance. Per agire la trasformazione profonda come azienda, e quindi come leader di un’azienda, dobbiamo fare un salto di coscienza eco-sistemica. Rimettere al centro gli ideali e la comprensione di quale sia il ruolo dell’azienda nel contesto più ampio. 

Se sentite questa chiamata, agitela con coraggio. Questa intuizione ed intenzione vi porteranno lontani! 

In Peoplerise abbiamo una passione per i viaggi avventurosi, contattaci per pianificare insieme quello della tua organizzazione!

 

Leggi le altre lettere dal new normal!


                          « Archivio Articoli