Newsletter

Social media e digitale nei processi di HR

Quale è la possibile applicazione in Cina?

L’articolo che vi proponiamo oggi è stato scritto da Giorgia Madonno, managing partner di Marco Polo Consulting. Tratta di tematiche che stanno molto a cuore anche a noi di Peoplerise: digitale e social media. Com’è il loro andamento nel mercato cinese in riferimento alla funzione HR?

Marco Polo Consulting è da anni partner di Peoplerise in Cina, il nostro ponte verso oriente. Scopo della nostra partnership è la benefica e continua condivisione di innovazione e la co-creazione di stimolanti percorsi di collaborazione nel mondo HR, per poter offrire al cliente dei servizi sempre al passo con i trend internazionali più attuali.  

(leggi l’intervista originale in inglese)

“Social e digitale” sono due concetti estremamente attuali nella comunità di business dei giorni nostri. Hanno un impatto enorme a livello mondiale sul marketing e le vendite, ma che impatto stanno avendo su un campo più tradizionale come la gestione delle Risorse Umane?

In Cina, dove l’uso di social media è esploso solo negli ultimi anni, si incomincia ad usarlo anche per migliorare alcuni dei più importanti processi HR e le società più innovative vi si stanno avvicinando con interesse.

La nostra società, Marco Polo Consulting, è sempre più intrigata dalle opportunità offerte dal digitale e le stiamo introducendo nel nostro raggio di servizi di consulenza HR.

Sulla base della nostra esperienza in Asia, i social media e il digitale sono usati principalmente per l’employer branding e il recruitment, per la comunicazione interna, il knowledge sharing e l’apprendimento. Possono inoltre essere integrati con un approccio di gamification. Vediamoli uno alla volta.

 

Employer branding e recruitment:

 

  • Alcuni anni fa abbiamo supportato uno dei nostri clienti, una grande ditta multinazionale, nel definire un Programma di gestione dei neo laureati in Cina. Tutta la fase di employer branding è stata implementata utilizzando i social media. Abbiamo progettato insieme a una società partner un logo e un banner per la campagna e questo è stato pubblicato sui principali social media e siti in Cina, come Wechat, Weibuo, Ren Ren, Linkedin e altri. Abbiamo usato parole chiave e definito criteri per ottenere una pre-scrematura delle domande e abbiamo pubblicato online un mini-sito web dedicato al Programma.
  • Ulteriori utilizzi del digitale sono inerenti all’assunzione di profili più senior. I recruitment manager pubblicano regolarmente le loro ricerche sui profili social propri o dell’azienda e questo risulta molto efficace. In Cina Linkedin è un social media molto utilizzato soprattutto per la ricerca  di profili di professionisti cinesi “internazionalizzati” . Si usa meno comunemente per posizioni di più basso livello, dove le persone parlano solo cinese. In questi casi sono più potenti i social media locali.
  • Noi stiamo recentemente esplorando nuove opzioni: un’applicazione che renda possibile la digitalizzazione del tradizionale referral e  la connessione con il social network dei dipendenti interni interessati al programma. Come funziona? L’applicazione, utilizzando parole chiave, combina i profili dei tuoi contatti con il profilo del ruolo ricercato e se uno dei tuoi contatti viene assunto, ti viene ti data una ricompensa.
  • Una società di Head Hunting ha deciso di rendere “gaming”  l’aggiornamento del  loro database di CV: incentivano le persone ad aggiornare il loro curriculum offrendo loro una raccolta di punti e premi.

 

 Comunicazione interna & Knowledge Sharing

 

  • Un’azienda francese nostra cliente che opera nella produzione di videogiochi usa massicciamente Wechat per la comunicazione interna con i propri collaboratori e ha costruito un blog online e una pagina wiki dove impiegati e società possono postare documenti, interagire, pubblicare le attività dell’organizzazione, dare spazio a persone per la condivisone di informazioni e conoscenza. Il sistema è facile da usare e da’ la possibilità di definire sottogruppi di interesse. All’inizio le persone dovevano essere stimolate ad usarlo, i manager lo sponsorizzavano estensivamente e organizzavano piccoli premi per i pionieri che lo utilizzavano; ora è diventata una pratica comune e di successo. Da parte nostra abbiamo suggerito di sottoporre ai dipendenti un questionario su engagement e performance ( li abbiamo aiutati noi a svilupparlo), aggiungendo anche alcune domande sull’efficacia di questi nuovi canali.
  • L’uso di Wechat o dell’intranet aziendale è sempre più popolare nelle società in Cina. Diventano così forum di scambio o canali di “attenzione” al benessere degli impiegati. Conosco un’azienda dove l’HR informa i dipendenti sulle previsioni meteo giornaliere e suggerisce di prendere l’ombrello in caso di pioggia.: -)

 

Apprendimento:

 

  • Attualmente stiamo sviluppando un progetto di formazione in cui prevediamo di attivare un workshop interculturale, l’idea e’ di creare per i partecipanti un gruppo in Wechat in cui sia loro possibile interagire. Il facilitatore e i partecipanti potranno offrirsi un mentoring reciproco in situazioni interculturali sfidanti. Avranno anche la possibilità di caricare documenti a tema, video, foto e noi renderemo gaming il sistema per ingaggiarli a pubblicare materiale interessante. Stiamo esplorando anche la possibilità di utilizzare algoritmi per identificare quali sono i post più interessanti per ognuno di loro e fare selezione e invio automatici (simile a quello che fa Amazon quando pre-seleziona per noi alcuni titoli di libri e fa segnalazioni).
  • Un altro esempio è la digitalizzazione di un sistema di apprendimento. Per un altro cliente abbiamo progettato un semplice sistema di apprendimento della leadership e un percorso di apprendimento. L’abbiamo caricato nella loro intranet e poi usato il blogging interno e il sistema wiki per lanciare discussioni tematiche (allineato con la sequenza del programma di formazione) sia online che offline. I partecipanti hanno ricevuto i documenti e i video sul tema, potevano condividere idee e poi discuterne fisicamente in una conversazione tra i principali leader e dipendenti selezionati in modo tale da co-creare il modello di leadership dell’azienda. Il passo successivo sarà la gamification dei post e della partecipazione al forum, blog e wiki.

 

Retention:

 

Un’altra opportunità sorprendente è data dai big data. Immagina essere in grado di connettere tutti i dati disponibili sulle persone che si sono licenziate quest’anno per predire chi nella tua organizzazione potrebbe andarsene perché hanno un profilo simile. Questa possibilità è data dall’analisi dei big data. Ci sono già grandi società capaci di dare queste informazioni ma noi stiamo aspettando delle soluzioni soluzione easy tech (il nostro “mantra” societario), che sicuramente arriveranno.

Social Network China Map s

I  social media e digitali sono potenti perché la generazione più giovane in Cina è molto abituata a utilizzarli; potrebbe accadere che essi siano addirittura più aperti usando questi canali piuttosto che nella comunicazione “faccia a faccia”.

Di sicuro c’è una riflessione da fare sulla gamification. Essendo un metodo di engagment eterodiretto il rischio è che le persone non siano “ingaggiate” perché realmente interessate al tema (ad esempio sulla Leadership) ma per l’approccio divertente. Nella mia opinione questo tipo di approccio deve essere sempre combinato con un tipo di coinvolgimento più profondo, ma sicuramente la gamification aiuta a dare uno slancio e a far muove l’organizzazione, e questo è un ottimo contributo.

La mia opinione su social in HR? a breve non potremo farne a meno. Meglio essere pronti e avvantaggiarsene il prima possibile.

Uno dei problemi perche ciò accada è che i decision makers (top management) possano non essere così familiari con questo nuovo linguaggio e non così aperti da esplorarlo e investirci denaro.

Fortunatamente in Cina l’età dei top manager è più bassa rispetto ad altri Paesi e questo facilita molto la diffusione di questi canali. Il nostro ruolo nell’HR sarà anche quello di educare le generazioni più conservatrici ad apprezzare e usare i social media.


                          « Archivio Articoli