Newsletter

LE STORIE DEGLI STORE MANAGER AL CENTRO DI THE NORTH FACE

racconto di tre giorni di workshop con Peoplerise

Non se lo immaginavano proprio gli store manager di The North Face. E a maggior ragione, il percorso che hanno affrontato, ha avuto più valore. Si aspettavano, infatti, il classico meeting aziendale, con presentazioni frontali di prodotto e di marketing e invece hanno partecipato ad un workshop in cui le loro storie sono state messe al centro e sono stati coinvolti in un processo trasformativo profondo.

“L’idea – spiega Sergio Caredda, Senior Director, HR business partner DTC EMEA di VF Corporation – era lavorare su un contenuto che potesse essere energizzante. Rispetto al passato abbiamo deciso, infatti, di fermarci a riflettere veramente sul ruolo dello store manager. E questo evento ha confermato quello in cui ho sempre creduto: costruire i negozi sulla centralità delle persone è una modalità vincente.”

Il workshop è durato tre giorni e ha riunito ad Amsterdam, nella sede di Knowmads, la Alternative Business School di cui Peoplerise è partner, 80 persone di diversi Paesi europei, tra cui Spagna, Francia, Germania, Italia, Inghilterra, Svizzera e Olanda.

The north face team

“Il filo conduttore sono state le storie – spiega Elena Crudo, consulente di Peoplerise – perché rappresentano una porta di accesso alla portata di tutti e consentono di raccontare la complessità in modo semplice. Il nostro proposito, infatti, era dare voce alle persone, in maniera naturale e personale, partendo da un presupposto fondamentale: ognuno di noi vive immerso nelle storie e, nel caso degli store manager, si tratta di storie del team, storie con i clienti o storie sui prodotti. Nessuno meglio di loro conosce il proprio lavoro e la propria quotidianità. Partire dalle storie significa considerare che il sistema è fatto di persone, di differenze geografiche e di tante altre variabili, che rendono il contesto complesso e consente di osservare il cambiamento da una molteplicità di punti di vista, non solo quello manageriale.”

Per questo la narrazione dei protagonisti, di quello che vivono e vedono quotidianamente è un punto di partenza prezioso. Ed è così che ogni giorno, in modo diverso, il gruppo di store manager di The North Face è stato guidato alla scoperta dei racconti dei singoli partecipanti. E se inizialmente le persone sono state ragionevolmente perplesse a diventare protagoniste del meeting, una volta invitate a parlare non degli aspetti tecnici del proprio lavoro, ma piuttosto di quelli personali, è emerso il desiderio di condividere con gli altri, perché ne è stato compreso il senso profondo. Il percorso fatto insieme ha fatto emergere, in modo intuitivo, gli archetipi culturali radicati, che determinano i comportamenti quotidiani, rendendoli consapevoli nelle persone e non più scontati o automatici. E la consapevolezza è il primo passo verso nuove scelte.”

“Il percorso durante i tre giorni – riprende Sergio Caredda – è partito dall’aspetto umano e individuale, per poi focalizzarsi su come gli store manager si sentono oggi nel loro ruolo, per identificare, infine, ciò che può cambiare nella gestione e individuare qual è il futuro desiderato.”

Ma non esiste una storia senza una cornice e per Peoplerise questa è rappresentata dalla creazione di un solido spazio sicuro, che permetta una connessione autentica delle persone, tra il proprio mondo interiore ed esteriore. E in questo percorso rientra anche la preparazione del middle management, per far sì che sia presente, ma con discrezione, per non rischiare di generare condizionamenti.

“Il risultato di questo workshop – racconta Elena – è dovuto anche molto a come i district manager hanno giocato il loro ruolo con delicatezza, incoraggiando la libertà di espressione e la naturalezza. Era importante per noi, che le persone si sentissero libere di raccontare quello che stavano vivendo. Perché quando sentiamo che possiamo essere noi stessi, si libera un’energia molto potente e si attiva una connessione più profonda, che ci permette di focalizzarci veramente su chi siamo e cosa facciamo. Nascono così delle intuizioni che non ti abbandonano più, perché derivano da un vissuto tutto personale e non da generiche definizioni teoriche, che studi e poi ti dimentichi. Il nostro proposito, infatti, non è creare momenti “bolla” slegati dalla realtà, ma seminare, per attivare nuove energie che si trasformino in una pratica, che poi venga adottata e riportata nel quotidiano. Ed infatti così è stato. Molte persone al termine dei tre giorni hanno condiviso che non vedevano l’ora di tornare a casa, intenzionate a raccontare e riproporre alla propria squadra qualche aspetto di quello che avevano vissuto.”

Non accade spesso nel mondo del lavoro di parlare di emozioni – sottolinea Caredda – e per un’azienda dedicarsi a questi temi non è facile, perché si mette in discussione. Ma l’esperienza di Amsterdam ha sicuramente lasciato il segno ed ha permesso agli store manager di capire il loro proposito personale, rispetto a quello organizzativo.”


                          « Archivio Articoli